Molti artisti, tra cui qualche gruppo degli anni '60/'70, hanno avuto delle "rivisitazioni" dei loro brani, talvolta in chiave jazzistica o orchestrale. E'accaduto per i Nomadi ed ora si verificherà per il Banco. Non sono un esperto di spartiti e simili, e quindi non posso giudicare se le musiche dei N.T. si presterebbero ad una tale operazione, però la ritengo fattibile.
Per la cronaca, tali operazioni (non so se con intenti commerciali o meno) hanno avuto una certa diffusione all'estero con la dicitura "symphonic music of..." ed hanno visto includere artisti come Procol Harum, Yes, Who, ecc.
Cosa ne pensate?
Saluti
MER
----


Ciao,
credo che la cosa sia fattibilissima e ci sarebbe solo l'imbarazzo della scelta.
La serie Symphonic music of... è una collana commerciale che ha la particolarità (rispetto alle varie London symphonic orchestra o XXXX synthetizer orchestra etc etc) di coinvolgere direttamente uno o più membri del gruppo celebrato in maniera attiva (per gli Yes, pur partecipando anche Bill Bruford e Jon Anderson, fu Steve Howe a fare la parte del leone). Con il repertorio dei NT, secondo me puoi fare tutto.
Ave
diBO