La completezza della formazione dei NT, oltre al fatto di indubbie capacità strumentali, sta appunto nell'elevata caratura tecnica vocale dei singoli…senz'altro ne avrete parlato nel tempo in questo forum…ognuno di loro ha una voce inconfondibile e diversa dagli altri ma all'occorrenza tutti sanno amalgamarsi in modo assolutamente perfetto (mi viene in mente ad esempio la versione di "Poster" di Baglioni, l'apertura iniziale o la stessa "Gilda" di "FS").
Pur distinguendo bene le sfumature calde e profonde di Vittorio, quelle taglienti e sensuali di Ricky che s'insinuano spesso in terze impossibili, quelle vertiginose e inarrivabili di Nico, le ottave galattiche in falsetto di Gianni…mi rimangono alcune curiosità, ad esempio di chi è quella voce brillante e potente che canta la strofa: "io ti do la vita intera, se vuoi ti do di più e non ti chiedo niente per me……….."? E' Giorgio Usai??
Altra curiosità, essendo io un bassista, D'Adamo oltre a partecipare ai cori, aveva parti da solista?
Ciao, grazie a tutti
Giorgio t.
----
Sì, è Giorgio Usai.
Riguardo al nostro collega bassista, ti suggerisco di consultare la discussione riguardante la strumentazione dei New Trolls. Ciao
GL
----
Ciao,
poichè la questione Giorgio D'Adamo è liquidabile in poche righe, rispondo che NO, Giorgio non ha mai avuto parti soliste, neanche quando l'evidenza diceva il contrario (mi riferisco alla frase finale di "Anche noi" versione musical che era invece cantata da Vittorio).
Ave
diBO
----
A proposito di cori, nel CG1 si definiscono "le famose voci dei New Trolls", però ho pensato che se D'Adamo non cantava, le voci sarebbero state tre. O forse qualcuno "rinforzava" il tutto nella registrazione (Maurizio Salvi cantava?).
Ciao
MER
----
Ciao,
stabilire "chi ha fatto cosa" con precisione e a così tanto tempo di distanza è cosa impossibile (nemmeno i diretti interessati ne hanno memoria, visto che non cantavano su partiture).
Però, ho detto che GDA non cantava da solista, ma nei cori faceva qualcosa (lui ad esempio cantava nell'introduzione di "Fiamme sul pacifico" e nel coro d'appoggio di "Le roi soleil" e sicuramente in altre parti di altri brani dove servivano parti cosiddette "di àncora").
Inoltre in situazioni live (proprio per dare più corpo alle esecuzioni) faceva qualche altra particina, mentre in studio erano gli altri a raddoppiare le loro voci.
Inoltre le grandi voci dei NT sono grandi anche se cantavano in 3 piuttosto che in 4 o in cinque.
Sicuramente il maestro MS cantava nei cori, ma anche lui come GDA non faceva niente da solista.
Ave
diBO
----
Sì...tenete poi presente che come ogni bassista, a differenza degli altri strumentisti deve in qualche modo concentrarsi sul "tiro" con batteria. Non che gli altri siano esclusi, il fatto è che a volte le linee di basso sono completamente asimmetriche rispetto le melodie del cantato e perciò dei cori. Questa è solo una mia opinione ad integrazione di quanto prezioso avete già detto.
Grazie
Giorgio t.
----
Tutto giusto, anche se Sting, Paul McCartney, Geddy Lee, Glenn Hughes, il mio amico Franco Malgioglio, altri che non ricordo e (ultimissimo in ordine d'importanza) il sottoscritto, trovano naturale ed esaltante cantare da solisti e contemporaneamente suonare il basso.
Ciao, fratello di corda (conosci il sito megabass?)
GL
----
Diciamo che in qualche modo è così, ma gli esempi citati da Gl ai quali aggiungerei anche Mark King, Chris Squire allora, supportano la teoria che una mano fa una cosa, l'altra ne fa un'altra, la voce ne fa un'altra ancora e gli occhi guardano le belle fans in prima fila..
ciao
Giorgio t.
----
Non si possono dimenticare Mark King (un vero mito!) né Chris Squire (il RE del Rickenbacker!).
GL
----
Ciao,
avete ragione a individuare nei bassisti le stesse difficoltà di altri musicisti nel cantare e suonare.
Volevo aggiungere un'altra citazione (meno blasonata delle precedenti, ma a livello di difficoltà tecnica tra le prime) tra quelle già esposte: Gerard L'Her dei Rockets (ricordate quelli travestiti da Robot?) che cantava, faceva i cori e il suo "bassing" era caratterizzato da una camminata continua sulla tastiera del suo basso (quasi sempre Rickenbacker e Fender precision).
Ave
diBO
Ciao
Non vorrei dire una mostruosità, ma io ho sempre pensato che Nico non cantasse in "falsetto" ma che quella fosse la sua voce naturale.
Prego chiunque legga questo messaggio di confermare o smentire la mia opinione.
Lazzo
----

In particolare, io mi riferivo al falsetto usato dai New Trolls per eseguire i cori e di quello usato da Gianni Belleno per determinate parti soliste ("Let it be me", ad esempio).
Sulla questione del presunto "falsetto" di Nico Di Palo, non mi addentro in questioni tecniche perchè ammetto senza vergogna che ne conosco ben poco.
Credo, comunque, di avere sufficiente esperienza "sul campo" per sapere riconoscere se uno canta in "falsetto" o "di gola". A dispetto di molte recensioni e biografie che hanno parlato dei New Trolls, accennando spesso a 'sto falsetto di Nico, io sono convinto che (usufruendo anche del diaframma di cui sopra o meno) Nico ha cantato e canta utilizzando la gola almeno nel 99% dei casi.
Cioè, prendendo ad esempio ancora la canzone "Let it be me", la parte cantata da Gianni Belleno, è decisamente in falsetto mentre l'intervento di Nico è di gola, così almeno penso io.
Un altro esempio, la parte centrale di "C'è troppa guerra" e tutta la parte cantata di "Storia di una foglia", è in falsetto (sempre Gianni Belleno).
Tutta la parte cantata da Nico Di Palo in "C'è troppa guerra", è "di gola".
Ovvio che qualsiasi iscritto al Net Club, che ne sa più di noi riguardo alle tecniche di canto, ci potrà ragguagliare sui particolari. Mr.Sensini?
Ciao
GL

----

Ciao,
mi intrometto per chiarire appunto la questione tecnica. Il falsetto è un'emissione vocale in cui l'impostazione della gola "accorcia" la corda vocale permettendole di suonare a tonalità più alta, a discapito del timbro vocale che inevitabilmente cambia alquanto rispetto le tonalità normali.
In soldoni, se uno canta un "Ohh" a voce tranquilla e piano-piano la alza (la voce), arriverà ad un punto oltre il quale non ce la farà più. A quel punto impostando opportunamente la i muscoli della gola, si emetteranno note più acute, ma con timbro da simil-castrato.
Per Nico, la tonalità più alta a voce piena, è variata dal MIb7RE al SI/DO durante la sua carriera.
In falsetto Nico è (parlando di lavori in studio) arivato al FA (Gianni al SOL#).
Il distinguo che GL fa tra "Gola" e "Falsetto", indica in realtà 2 tipi di falsetto diversi: infatti sia in C'è troppa guerra che in Let it be me, Nico canta in falsetto, ma "sporcandolo" pompando l'aria con la gola anzichè con la pancia (diaframma).
Ciò porta ad una caratteristica peculiare che pochi cantanti hanno: il passaggio tra voce piena e falsetto è (quasi) indistinguibile, soprattutto se in progressione (in Accendere la tua luce, il cantato di Nico sembra andare verso l'alto con continuità senza cambiare voce, in realtà lo fà). Gianni non era in grado di ottenere tale effetto (la sua voce da normale a falsetto è diversissima).
Altri cantanti che riescono ad ottenere tale effetto sono Jon Anderson degli Yes e il grande Freddy Mercury (che però dal vivo si risparmiava moltissimo).
Spero di aver chiarito un pò le cose, altrimenti bussatemi e vi sarà aperto
Ciao
DiBO
----
…esistono partiture per le parti vocali dei cori dei NT? A chi bisogna rivolgersi per ottenerle?

----
Ciao,
la questione che poni è interessante, ma irrisolvibile.
La storia: I creatori delle armonie dei NT sono Vittorio in primis e Nico. E' verissimo che ci vogliono anche elevate capacità esecutive (Nico ad esempio ha il talento naturale di saper eseguire frasi che si evolvono in intervalli strettissimi da contralto, motivo percui spesso non era lui a fare la voce più alta, ma sicuramente la più complicata).
Ecco perchè il gruppo di Vittorio riesce a ricreare le giuste armonie: l'unico quinto del gruppo originale è proprio quello che componeva le melodie vocali.
Riguardo gli spartiti, in Italia non esiste la cultura editoriale giusta per gli spartiti pop. Dei NT non esiste alcuna edizione valida sulle singole parti.
Riguardo a "Poster", la versione con Vittorio saltellante, è ottenuta con una nota ponte del Nostro che viene variata con un Harmonyzer. Nella versione originale lo schema è Voce guida, Terza superiore, Quinta con note ancora e Voce guida un'ottava su, più i raddoppi.
Per saperne di più, parliamone che ci divertiamo.

Ave
diBO
----


Grande Sensini, Parliamone eccome!!!!!!!!!!!
ho notato che tutti i tuoi interventi denotano un'elevata conoscenza della materia e anche di particolari , tipo la conoscenza delle parti vocali che eseguiva Nico, che sicuramente derivano anche da una frequentazione stretta dei componenti,e dialogare su aspetti tecnici con chi ne sa sicuramente più di me mi fa molto piacere. Mi piacerebbe analizzare tecnicamente i NT che è in assoluto,vista la mancanza di materiale nuovo da esaminare, la cosa a cui tengo di più.
Su Vittorio mi confermi la mia supposizione,è lui il cervello armonico del gruppo , ma mi incuriosisce il riferimento all'harmonizer, quando hanno inciso poster probabilmente ancora non erano stati inventati,quindi probabilmente il risultato era il frutto di sovraincisioni. Dal vivo,ho notato che, proprio per smentire la presenza di parti preregistrate o trucchetti vari, fanno delle gag sul finale, interrompendo più volte il pezzo e rientrando sempre in maniera perfetta sembra che sia tutto live, tu che ne pensi?
Un'altra domanda, sempre facendo riferimento alla "storia", le note che fa Vittorio sull'intro della musica che gira intorno sono tutte opera sua? Ti faccio questa domanda perché tocca delle note che metterebbero in difficoltà un baritono.
Ciao
Dario
----
Ciao, Riguardo le vocalità dei NT, sono un ottimo banco per chi vuole imparare, infatti le strutture non sono le classiche (come quella usata in "Poster") ma contengono soluzioni armoniche a volte geniali. Consiglio di studiare i cori di "Volo", "Per un amore" e "Domenica di Napoli" per capire come possano essere usate le voci in maniera geniale.
Ave
diBO
----
Ho sentito la versione "più recente" ( credo del 92 come hai detto ) di poster e devo dire che che in confronto alla prima è molto più riproducibile con le voci iniziali che mi sembrano parallelissime costruite sulle note degli accordi, e con Vittorio che non si muove sulle note basse come nel primo arrangiamento , in confidenza preferivo la prima versione che mi sembra anche tecnicamente più difficile da eseguire.
ciao
Dario
----
Anch'io sono d'accordo che la prima versione (quella del singolo) era più difficile da eseguire. C'è da dire che quella dell'album "Quelli come noi", come gli altri pezzi dell'album, aveva subito un processo di "rimasterizzazione"(le annotazioni precisano che per "QCdS" e "Alderaban" ciò è stato fatto dai "master" originali). Che cosa è stato conservato e modificato?
Sicuramente penso che le voci furono aggiornate al line-up del 1992, mancando Belleno ed essendoci Usai (nell'estate del 1980 aveva appena lasciato il gruppo).
Però ho sempre visto con "sospetto" questo tipo di registrazione, ritenendo che in realtà l'operazione si risolva in pura "alchimia" tecnologica solo per esigenze di copyright o simili.
Ciao
MER
----
A proposito di versioni, ma quella di Faccia di cane citata da Nico Di Palo come più bella di quella poi uscita, è mai stata eseguita?
Ciao
GL
----
Ciao,
no, non è mai stata eseguita. La versione cui fà riferimento Nico aveva un arrangiamento meno elettronico (simile a quello apparso su "quelli come noi", ma con le parti di chitarra uguali all'originale e soprattutto con molte più "svise" e l'assolo centrale (di NICO e non di Ricky come su "Quelli come noi").
Ave
diBO
----
Ciao, mi piacerebbe iniziare a "vivisezionare" musicalmente parlando i NT.
Qui faccio appello a Sensini , Aldo ( possibilmente Vittorio,Nico & C. ma dubito che ne abbiano intenzione) e chiunque ne sappia più di me,
mi piacerebbe prendere in esame un brano per volta,analizzarne l'aspetto melodico e armonico,
l'arrangiamento originale e quello attuale delle 2 formazioni, gli strumenti utilizzati in studio e live , a suo tempo e nelle versioni attuali , le armonizzazioni vocali,l'apporto dei singoli sulla composizione e gli arrangiamenti.
Insomma un vero seminario tecnico come se ne fanno su internet sui più svariati argomenti ,una serie tematica e telematica di Superquark dedicata ai NT svelando possibilmente anche un po' di retroscena dietro le quinte .
Fatemi sapere che ne pensate
Grazie
Dario
----